Elevarsi ad un progetto collettivo

Un aneddoto raccontato da Viviana Vivarelli su Masadaweb in “MASADA n° 1386 15/5/2012. LA MAXITRUFFA” e da me leggermente adattato

La metafora sulla montagna, di Carl Gustav Jung, un autore che Viviana insegna e che  le è molto caro.

“Quando sei in montagna e capiti in mezzo a un temporale, può darsi che la furia degli elementi ti spaventi e ti faccia pensare di essere in grave pericolo di vita. Ma se riesci a salire più su, ad un livello più alto, piano piano uscirai dalla tempesta e la potrai guardare da un posto sicuro e vedere sotto di te. E sarai in salvo.”

Analogamente, quando si crede di essere senza potere e la furia di un mercato dissennato ci colpisce gravemente, possiamo pensare di non riuscire a cavarcela e la disperazione può essere allora il nemico dell’uomo che si sente perduto.

Ma se si sale a un piano superiore in cui abbiamo un progetto collettivo e lottiamo per qualcosa che superi la nostra stessa vita, possiamo salvarci e mettere in moto energie che unite alle energie altrui potrebbero rovesciare la situazione ed aprire nuove vie di salvezza.

Questa voce è stata pubblicata in Etica, Evoluzione, Filosofia, Metafora, Pensieri Positivi. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Elevarsi ad un progetto collettivo

  1. Pingback: Se non ti rendi conto di quello che sta accadendo, sei complice! | Il Dodo Blog

I commenti sono chiusi.